Jelsa

 
 
 JELSA

Jelsa sorge sulla costa settentrionale dell’isola di Hvar, adagiata in una dolce cala posta in posizione centrale. 

Nata come porto del paese di Pitve nel XV secolo, da centro marittimo e diventata una vera e propria oasi turistica.

Se provenite dal mare, a darvi il benvenuto ci penseranno Pumpurela e Iga, i due fari che vigilano sulla cittadina. L’ingresso nei pressi di un torrente e vigilato da alti pioppi, mentre sul monte alle spalle del centro svettano il Tor, una torre d’avvistamento costruita al tempo della Grecia antica, e Galešnik Grad, insediamento risalente all’antichita. Attorno a Jelsa, poi, un susseguirsi di pinete, vigne, oliveti e campi di lavanda.

Il brusio della pietra delle calli di Jelsa potrete viverlo intensamente nel primo pomeriggio, mentre le spiagge sono prese d’assalto da bagnanti desiderosi di sole e di mare, e la cittadina puo riposarsi e prepararsi per la movimentata vita serale e notturna. 

Tra le tante manifestazioni locali, ricordiamo la Via Crucis del Venerdi Santo, per Pasqua, quando la cittadina diventa meta di migliaia di fedeli desiderosi di partecipare ad una particolarissima processione che dura tutta la notte e che si snoda per i paesi del circondario. Particolari sono anche le Serate dedicate ad Antun Dobronić, ideali per gli amanti della storia, dell’arte ed, in generale, per gli innamorati di Jelsa, cosi come le Serate dalmate, con le canzoni delle klape e tanto folclore. La Festa dell’Assunta (Vela Gospa) e la Festa del vino, al cui fascino nessuno potra resistere, sono un altro aspetto della suggestivita di Jelsa.

Le navi stracolme di turisti provenienti da Makarska, Brela e Baška Voda, un mare di barche a vela e yacht che, fatto capolino nel porticciolo, decidono di gettare l’ancora proprio qui, e poi turisti, guru della finanza in vacanza, attori e sportivi di fama… tutti diventano “figli di Jelsa”, perché, una volta visitata, vi ritornano sempre con piacere non paghi della pace, dei colori e dell’ospitalita che Jelsa sa regalare. Come rinunciare al piacere di sedersi su una panchina della Piazza (loc. Pjaca) centrale, accanto ad una fonte d’acqua sorgiva, scattare una foto sul sagrato della chiesetta di San Giovanni (XVI secolo), attraversare a passeggio il Banski dolac, dove il tempo sembra si sia fermato, mentre le iscrizioni latine sulle facciate delle case raccontano storie dei secoli passati? E non dimenticatevi di dare un’occhiata al parco, le cui palme vi convinceranno del fatto che Jelsa e uno di quei luoghi ai quali ritornare anche in futuro. Arrampicatevi, poi, sulle cime Hum e Sv. Nikola, che vi lasceranno senza fiato con una vista che abbraccia i paesi circostanti. Raccogliete un mazzolino di lavanda, rosmarino, erica e salvia per poter godere del loro profumo comodamente seduti sulla terrazza del vostro appartamento. E non andate via senza aver fatto il bagno nell’acqua di una delle nostre magnifiche spiagge.

Fate anche voi come i gabbiani, che arrivano da chissa dove seguendo la scia delle navi e che, una volta a Jelsa, decidono di restarvi, perché Jelsa e uno di quei luoghi di grande richiamo turistico che, una volta lasciati, non vedrete l’ora di visitare di nuovo.







 Galleria
 Dove si trova?
 Come prenotare?  Come pagare?
Per gli ospiti
Modalità di pagamento:
- Bonifico bancario
- Carta di credito
Americanexpress Diners Mastercard Visa
Nostro libro degli ospiti